Download Altissima povertà: Regole monastiche e forme di vita by Giorgio Agamben PDF

By Giorgio Agamben

Che cos'è una regola, se essa sembra confondersi senza residui con l. a. vita? E che cos'è una vita umana, se in ogni suo gesto, in ogni sua parola, in ogni suo silenzio non può più essere distinta dalla regola? È a queste domande che il nuovo libro di Agamben cerca di dare una risposta attraverso un'appassionata rilettura di quel fenomeno affascinante e sterminato che è il monachesimo occidentale da Pacomio a San Francesco. Se il libro ricostruisce nei particolari l. a. vita dei monaci nella loro ossessiva attenzione alla scansione temporale e alla regola, alle tecniche ascetiche e alla liturgia, l. a. tesi di Agamben è, però, che l. a. vera novità del monachesimo non sta nella confusione fra los angeles vita e l. a. norma, ma nella scoperta di una nuova dimensione, in cui forse in step with los angeles prima volta l. a. "vita" come story si afferma nella sua autonomia e los angeles rivendicazione dell'"altissima povertà" e dell'"uso" lancia al diritto una sfida con cui il nostro pace deve ancora fare i conti. "Come pensare una forma-di-vita, cioè una vita umana del tutto sottratta alla presa del diritto e un uso dei corpi e del mondo che non si sostanzi mai in un'appropriazione? Come pensare l. a. vita come ciò di cui non si dà mai proprietà, ma soltanto un uso comune?"

Show description

Read Online or Download Altissima povertà: Regole monastiche e forme di vita PDF

Similar italian_1 books

Additional resources for Altissima povertà: Regole monastiche e forme di vita

Example text

Com;ersationem dirigere) Secondo Ia regola (secundum regulam). Questa c in verira oggi Ia professione comune a tutti i monaci. a dubbio secondo Ia regola, poiche i buoni usi non discordano dalla regola ( B ERNARDO, pp. 251-252). Come Ia contrapposizione fra un termine tecnico del diritto (spond ere, obbligarsi personalmente a qualcosa) e un'espressione tratta dallinguaggio ascetico (dirigere Ia propria forma d i vita) mostra con evidenza, il passo testimonia di una trasformazione che investe il modo di intendere il rapporto fra Ia norma e la vita: colui che promette no n si obbliga, come avviene nel diritto, al compimento di singoli atti previsti nella regola, rna mette in questione il suo modo di vivere, che non si identifica con una serie di azioni ne si esaurisce in esse.

4) . La questione se i voventes p ossano contrarre matrimonio riceve, nello sresso senso, un' ampia trattazione. dich e della p rofessione, n on una teoria d ella professio ne in quan to normativam ente costitutiva d ella vita monastica come tale. 9. Le considerazion i fin qui svelte d ovrebbero rendere evidente in che senso sia quasi impossibile porre il problema della natura giuridica o non-giuridica delle regale mon astiche senza cadere in an acronismi. Anche ammesso che qualcosa come il n ostro termine « giuridico )) sia sempre esistito (il che e quanto men o d ub bio), cerro, in ogni caso , che esso sign ifica u na cosa nel diritto romano, un'altra n ei primi secoli della cristianita, un' altra ancora a partire dall' era carolingia e u n'altra, infin e, nell'eta moderna, quando lo Stato comincia ad assumere il monopolio del d iritto .

Se I' au tore non trascrive una regola separata, cio e perche questa era gia perfettamenre contenuta nella narrazione della vita di Eugendo. Annunciando l'esposizione della regola, egli aveva scritco, infatti, di riservarla per il terzo libro, quia rectius hoc in 1Jita beatissimi Eugendi depromitur. /Jet de vous Le dormer avec la vie de st. ascia esprimcre nel modo piu giusto nella vita del beatissimo Eugendo •• · Una lettura attenta della biografia mostra, del resto, che questa contiene, in particolare nei paragrafi I70-173, un'accurara descrizione del modo in cui I' abbate ha organizzato la vita comune dei monaci; essenziale e, pero, in ogni caso, che, nel testo, l' esposizionc della regula sia inseparabile da quella della vita.

Download PDF sample

Rated 4.77 of 5 – based on 27 votes